Vitamina C: tutto quello che hai sempre voluto sapere

Scritta vitamina C attorno a un piatto pieno di alimenti ricchi di vitamina C

La vitamina C è sempre sulla bocca di tutti.

Per alcuni guarisce ogni male del mondo, altri dicono che faccia passare l’influenza, altri ancora che non serva a nulla.

Le informazioni che si trovano in giro sulla vitamina c, conosciuta anche (da pochi) come acido ascorbico, sono tantissime e a volte un po’ confuse.

In questo articolo cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla sua importanza, quanta te ne serve, come assumerla e perché.

Veniamo subito a noi!

Scritta vitamina C attorno a un piatto pieno di alimenti ricchi di vitamina C

A cosa serve la vitamina C?

È uno dei nutrienti più sicuri ed efficaci, a detta degli esperti. Non sarà la cura per il solito raffreddore, come invece ti hanno fatto credere, ma i suoi benefici sono molti.

Ti protegge invece dai deficit del sistema immunitario, dalle malattie vascolari e, in caso di gravidanza, da problemi prenatali del feto.

Negli ultimi 10 anni gli studi riguardo alla vitamina C si sono fatti sempre più ampi ed approfonditi. Si è notato come, anche con le malattie più difficili da combattere, possa essere un’alleata formidabile.

È evidente ormai che i mali dei tempi moderni siano il cancro, gli ictus e cardiopatie. L’OMS ha dichiarato che hanno ucciso 15,2 milioni di persone nel 2016, e sono rimaste le principali cause di morte a livello globale negli ultimi 15 anni.

Secondo gli studi di Mark A. Moyad, dottore e ricercatore presso la University of Michigan, la vitamina C si è dimostrata un grande aiuto per queste patologie, infatti oltre il 42% dei soggetti che la assumevano al massimo dosaggio hanno riportato un abbassamento della comparsa di ictus.

Inoltre, si è dimostrata efficace anche per i problemi agli occhi e per combattere le rughe.

Per queste ultime è un temibile avversario dal momento che agisce come un antiossidante, aiutando le tue cellule a proteggersi dai danni causati dai radicali liberi.

I radicali liberi sono composti che si formano quando il nostro corpo converte il cibo che mangiamo in energia. Sono atomi o molecole instabili che, se non vengono eliminate, finiscono col danneggiare le tue cellule e a portarti ad invecchiare molto prima del tempo.

Sei esposta ad essi anche quando la tua amica ti fuma accanto o tu stessa ti accendi una sigaretta, quando passeggi per strada in una città inquinata, o quando ti stendi al mare a prendere il sole.

Evitarli è praticamente impossibile!

 Inoltre la vitamina C:

  • collabora con il sistema immunitario, in modo che tu possa vivere più a lungo e al meglio della tua forma;
  • il tuo corpo la usa per creare il collagene, una proteina che aiuta le ferite a guarire e a rendere ben ammortizzate le articolazioni ed elastica la pelle;
  •  è indispensabile per aumentare l’assorbimento del ferro a livello intestinale, così non lo eliminerai immediatamente ma potrai averne tutti i benefici.

Ci sono anche poi tutte quelle fastidiose problematiche che ci accompagnano molto spesso durante l’anno:

Il raffreddore è una delle malattie più ricorrenti per tutta la popolazione mondiale. È una patologia di origine virale che provoca l’infiammazione di naso e gola ed è molto contagioso.

I sintomi sono ben noti: mal di testa, starnuti, naso che cola continuamente, gola irritata, ogni tanto febbre e dolori muscolari.

Anche se te lo dicono tutti, il raffreddore non passerà prendendo la vitamina C, ma gli studi della University of Michigan hanno dimostrato che se presa tutti i giorni ad alto dosaggio, soprattutto durante il raffreddore o l’influenza, ti eviterà il rischio che i sintomi peggiorino e che l’influenza diventi una polmonite.

Tutti noi siamo stressati, ormai è la normalità, una ricerca del dott. Kaplan e colleghi ha messo in evidenza che un terzo della popolazione mondiale ha sofferto o soffrirà nel corso della sua vita di ansia, e a meno che tu non sia l’unica fortunata, sicuramente ti sarà capitato di arrivare a sera e non poterne più.

Quando sei stressata e ansiosa anche il tuo corpo lo diventa. Non può utilizzare le sue risorse per proteggersi, quando deve metterle tutte in gioco per combattere questo nemico invisibile che ti rovina le giornate. Di conseguenza il tuo sistema immunitario farà cilecca ed ecco che alla tua ansia si aggiungono anche fastidiosi malanni di stagione.

Un recente studio della dottoressa Kathleen M. Zelman ha mostrato come la vitamina C abbia portato moltissimi benefici agli individui che hanno avuto un deficit del sistema immunitario proprio a causa dello stress.

In più, la vitamina C è davvero sensibile ai fattori stressanti per il corpo. Se bevi, se fumi o se vivi in ambienti fumosi, se sei obesa, il corpo consumerà la vitamina C in maniera molto più rapida rispetto al solito.

Il fabbisogno giornaliero, in questi casi aumenta.

Un’altra preoccupazione più che naturale è l’invecchiamento della pelle. Uno studio effettuato su 4.025 donne di età compresa tra i 40 e i 74 anni ha dimostrato che più è alta la quantità di vitamina C presa ogni giorno, più è bassa la quantità di rughe che compaiono sul viso, meno è la secchezza della pelle e le donne appaiono più giovani.

Viso metà di una donna giovane e metà di una donna anziana e rugosa

Infine, per quanto riguarda gli sportivi, diversi studi, tra cui quello dell’equipe del dott. Righi, hanno dimostrato come la presenza di alte quantità di vitamina C nel sangue abbiano portato a una diminuzione dell’infiammazione nei muscoli post attività fisica e dunque un minor dolore della parte sollecitata durante l’allenamento nei giorni successivi.

Quanta vitamina C serve?

Si è creduto per anni che un dosaggio che andasse dai 75 ai 90 mg al giorno fosse adatto al fabbisogno di un adulto, mentre una serie di studi avvenuti negli ultimi 20 anni ha dimostrato che la vitamina C ha un effetto sulla salute in generale solo se il dosaggio è di almeno 500mg al giorno in aggiunta a 5 porzioni di frutta e verdura ricca di questo nutriente.

Una porzione di frutta equivale circa a 150 g, quindi un frutto grosso come una mela o due se sono albicocche o susine.

Ma non è sempre facile riuscire ad avere ogni giorno la frutta e la verdura fresca a disposizione, soprattutto con una vita molto frenetica. Di conseguenza aiutarsi con un integratore a base di Vitamina C sembra la cosa più intelligente da fare.

Inoltre, il tuo corpo non è in grado di immagazzinarla esattamente come non è in grado di produrla. Quindi, per averla a disposizione quando ti serve, devi integrarla ogni giorno, altrimenti il tuo corpo comincia ad andare in carenza.

Quali alimenti contengono la vitamina C?

La frutta e la verdura sono sicuramente i cibi in cui puoi trovare le più alte quantità di vitamina C, soprattutto negli agrumi e nel loro succo, nei peperoni rossi e verdi, nei kiwi, nei broccoli, nelle fragole, nelle patate dolci e non, nei pomodori e in molte verdure a foglia verde.

Ed ecco per te alcuni trucchi per aggiungere più vitamina C alla tua dieta:

Ricordati però che la vitamina C è estremamente sensibile a ossigeno e calore, quindi nel momento in cui tagli la frutta o la verdura, oppure la cuoci, gran parte della vitamina C contenuta in quell’alimento si degraderà velocemente. Proprio per questo è davvero difficile raggiungere il fabbisogno adeguato solo grazie alla dieta.

Piatto di legumi e alimenti ricchi di vitamina C

Stai assumendo abbastanza vitamina C?

La carenza vera e propria di questa vitamina ormai è rara. Nel passato, tra il 1500 e il 1700 era molto facile per i marinai morire di scorbuto, una malattia dovuta a una carenza così grave di vitamina C da portare questi soggetti alla morte, dopo aver fatto perdere loro i denti, i capelli, aver fatto suppurare le ferite perché non riuscivano a guarire neanche da semplici tagli.

Ora è quasi impossibile che questa cosa accada nel mondo occidentale. Per quanto poca, con il cibo o qualche bevanda se non addirittura un integratore, un po’ di vitamina C in circolo c’è sempre. Ma puoi comunque essere carente e i sintomi che ti devono fare accendere un campanello d’allarme sono:

  • Senso di affaticamento;
  • Gengive che sanguinano;
  • Dolore alle articolazioni;
  • Capelli deboli e che cadono facilmente;
  • Depressione;
  • Anemia.

Se noti questi sintomi, un modo molto facile per capire se si tratta di carenza di vitamina C è provare ad integrarla per un po’ di tempo e vedere come risponde il tuo corpo. In caso tu veda in pochi giorni delle differenze, hai la tua risposta.

Non è raro dal momento che il fabbisogno del tuo corpo è molto alto e quasi irraggiungibile con la sola dieta, per quanto ricca di frutta e verdura.

Sei sicura che sarebbe una buona idea mangiare 10 kiwi al giorno? Sono quelli che ti servono per raggiungerlo!

Per aiutarti ad integrare nelle tue giornate la giusta quantità di vitamina C, senza impazzire a ricercare le fonti migliori e a prepararle nella maniera corretta tutti i giorni, X WOMAN NUTRITION ha creato X 1000, un integratore di vitamina C ad alto dosaggio.

L’alto dosaggio però non è la sola caratteristica che lo rende speciale. Le sue capsule sono completamente vegetali, quindi le puoi prendere anche se segui una dieta vegetariana o vegana. Inoltre tutte le materie prime usate da X WOMAN NUTRITION sono completamente MADE IN ITALY. Puoi dire lo stesso di tanti altri prodotti sul mercato?

Prendendo 2 capsule al giorno di X 1000 raggiungerai la quota di 1000mg di questa fondamentale vitamina, il dosaggio ottimale per il tuo corpo.

BIBLIOGRAFIA

  • Effects of vitamin C on oxidative stress, inflammation, muscle soreness, and strength following acute exercise: meta-analyses of randomized clinical trials. Righi NC1, Schuch FB1,2, De Nardi AT3, Pippi CM1, de Almeida Righi G1, Puntel GO1, da Silva AMV1, Signori LU4.
  • Mark A. Moyad, MD, MPH, senior research associate and Phil F. Jenkins Director, Complementary and Alternative Medicine, University of Michigan Urology Center.
  • Phyo K. Myint, MRCP, department of public health, University of Cambridge, England.
  • Dee Sandquist, MS, RD, director, Center for Weight Management, Southwest Washington Medical Center; spokeswoman, American Dietetic Association.
  • S. Department of Agriculture 2005 US Dietary Guidelines. Seminars in Preventive and Alternative Medicine (1) Sept, 24, 2007; 3-1; pp 25-35).
  • Myint, P.K., American Journal of Clinical Nutrition, January 2008; vol 87: pp 64-69.
  • American Journal of Public Health, May 2004; vol 94: pp 870-875.
  • Jeffrey S Hampl, PhD, RD; Christopher A. Taylor, PhD, RD; and Carol S. Johnston, PhD, RD, Vitamin C Deficiency and Depletion in the United States: The Third National Health and Nutrition Examination Survey, 1988 to 1994.
  • American Journal of Clinical Nutrition, October 2007; vol 86; pp 1125-31.
  • WebMD Medical News: “Veggie Eaters Have Fewer Strokes.”
  • What can vitamin C do for your health. Kathleen M. Zelman, MPH, RD, LD

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Sommario

On Key

Articoli Correlati