Perdere peso, cosa è vero e cosa falso?

ragazza con in mano un foglio con due frecce

Ammettiamolo, noi donne saremmo disposte a vendere l’anima al diavolo pur di perdere peso e non ingrassare mai più.

In effetti le diete che promettono miracoli sono… diaboliche!

Il peso sulla bilancia sembra scendere subito velocemente, per poi capire che è solo un’illusione iniziale.

ragazza con in mano un foglio con due frecce

In questo articolo ti aiuterò a capire cosa è vero e cosa no per poter perdere peso davvero.

Sul perdere peso girano tante informazioni sbagliate e potenzialmente pericolose

Alzi la mano chi non ha mai iniziato un lunedì pensando convinta: “da oggi dieta”, per poi cercare su google quella che promette risultati migliori: un anno quella del cetriolo, quello dopo la dieta del limone ecc. ecc.

Non preoccuparti, non sei la sola, lo abbiamo fatto tutte.

Anche io, anni fa, ho provato tutto quello che trovavo sulle riviste più in voga per eliminare quei chiletti di troppo.

Volevo conquistare quei jeans che avevo adocchiato, e dovevano essere della taglia che avevo prestabilito!

Inutile dirti che niente ha mai funzionato davvero, a lungo andare.

Affidandoti alle mode del momento potresti compiere dei passi falsi e rischiare addirittura di compromettere la tua salute.

Quindi ho deciso di condividere con te la mia esperienza, e le mie conoscenze come fitness-coach, per farti strada nella giungla intricata dei milioni di consigli che si trovano in giro, sapere cosa non fare assolutamente, e riuscire a perdere peso in modo sano e senza rischi.

“vero o falso” saprai come dimagrire senza pericoli.

Pronta? Via!

Alcuni grassi fanno dimagrire (vero)

Ebbene sì, anche gli alimenti che contengono grassi possono aiutarti nella dieta.

Sebbene siano molto calorici, alcuni grassi vengono definiti buoni ed hanno alcune importanti qualità.

Oltre ad essere benefici per l’organismo, hanno anche la capacità di darti presto il senso di sazietà, aiutandoti a mangiare meno.

Hai presente il detto di mangiare 15 mandorle a merenda? Nasce dal fatto che quel pugno di frutta secca ti farà sentire sazia fino all’ora di cena.

Prova questo trucco: mezz’ora prima del pasto principale mangia, ad esempio, un quarto di avocado, 5 noci oppure 15 mandorle.

cibo ricchi di omega 3 messo a forma di cuore

Ti sentirai sazia più facilmente e non ti lascerai tentare da quei gustosi biscotti al cioccolato.

A proposito di cioccolato, ti do una bellissima notizia: quello fondente rientra tra i cibi che contengono grassi benefici.

Ricorda però, sempre con moderazione… un quadratino durante il giorno è più che sufficiente, ti appaga e ha anche un’azione antiossidante per il tuo corpo.

La corsa fa dimagrire più dei pesi (falso)

Correre per dimagrire? Falso!

Chiudi gli occhi e immaginati nel fisico dei tuoi sogni: magra e tonica, una statua con ogni curva al punto giusto.

Il sedere ti esplode dalle gambe lisce e compatte, la tua schiena e le spalle emanano tutta la tua energia e quell’addome piattissimo, con le linee laterali evidenti, è uno spettacolo.

Poi inizi a correre. 

La tua aurea nel giro di pochi secondi si spegne, non sei più radiosa, solo molto affaticata.

Dalle gambe le fibre muscolari perdono tono e il tuo fondoschiena si affloscia su sé stesso, colando sudore.

Le braccia e la schiena perdono vigore e forme, diventano molli e dritte. E l’addome…lo vedi bene ora che ti stai fermando, è sempre magro, ma molliccio, con la pelle cadente: non sei più tonica.

Questo è ciò che accade bruciando calorie con le attività come la corsa. Definite cardio, o di endurance, finiscono per consumare letteralmente il muscolo, per poter resistere allo sforzo.

Sembra quasi un controsenso, ma per modellare bene il tuo corpo ti serve un allenamento come quello con i pesi che, al contrario di quanto molte donne pensino, non rende affatto “grosse” e mascoline, ma rimette tutte le curve al posto giusto!

Basato su uno sforzo intenso, questo tipo di esercizio ti permette di bruciare calorie, ma anche di costruire e modellare il tuo fisico nel modo che preferisci.

Il digiuno rallenta il metabolismo (falso)

Ripeti con me: il digiuno non rallenta il metabolismo.

Il mito della colazione come pasto indispensabile è difficile da sradicare e io stessa combatto con le mie amiche e clienti, quando spiego il digiuno intermittente che seguo, dove inizio a mangiare alle 13.00.

Se tu ami fare colazione, nessuno ti vieta di farla, sia chiaro, ma è giusto sapere come funzioniamo e non seguire delle convinzioni errate.

Il tuo corpo ragiona sui quantitativi calorici in entrata (ciò che mangi) ed in uscita (ciò che bruci).

Mantiene il peso stabile ad una certa media di calorie settimanale, che cambia da persona a persone:

  • metti peso se questa media è più alta del dovuto;
  • perdi peso se la media è inferiore.

Questo semplice regola rimane la stessa sempre, qualsiasi sia l’orario in cui introduci le calorie dal cibo.

Per questo il digiuno non costituisce una minaccia per il tuo metabolismo.

Anzi, è stato dimostrato che il digiuno intermittente ha un ruolo chiave in ottica psicologica (come scelta strategica per ingannare l’appetito), e sul benessere dell’organismo.

Pare infatti che aiuti a migliorare alcuni parametri dell’organismo detti biomarcatori, e collabori nella regolazione ormonale… e guarda caso sono proprio gli ormoni a regolare l’appetito!

Puoi provare anche tu: ci sono molti libri scritti da esperti nutrizionisti che parlano del digiuno intermittente, considerato ormai un valido sistema per rimettersi in forma in modo equilibrato.

Provare per credere.

Più muscoli hai, più il tuo metabolismo lavora (vero)

Forse non ne sei consapevole, ma tu hai un superpotere che va sfruttato: rendere il tuo corpo una vera fornace che arde e brucia calorie come se non ci fosse un domani.

Questo dipende dal quantitativo di massa magra, cioè quella muscolare, di cui sei dotata.

Per ogni chilo di massa muscolare in più, il tuo metabolismo basale, composto dalle calorie minime necessarie a sopravvivere, aumenta di 30/60 kilocalorie

Quelle giuste per concederti quel biscottino che ti fa venire l’acquolina in bocca.

ragazza appoggiata ai pesi

Come mettere massa magra? L’allenamento con i pesi, come abbiamo visto prima, è un ottimo mezzo!

Voglio precisare una cosa: avere muscoli non significa diventare “uoma”, o prendere una conformazione troppo mascolina e tozza.

Le donne raramente possono sviluppare una muscolatura in stile “culturista”, perché la loro genetica non lo permette.

Piuttosto “fare muscoli” per lei vuol dire essere compatta e scattante, tonica e modellata, insomma, in una sola parola sexy!

Ci sono sostanze che fanno lavorare di più il metabolismo (vero)

Scommetto che lo sapevi.

La natura è nostra alleata nel dare una mano al metabolismo.

Alcune sostanze hanno la capacità biochimica di aiutarlo a consumare più calorie, ma devi prestare un po’ di attenzione che siano quelle giuste: troppo spesso il mercato propone prodotti che si fregiano dell’ingannevole nome di “bruciagrassi”, e invece non fanno quello che promettono.

Bisogna saperle conoscere e usare nel modo giusto, anche perché alcune possono dare qualche effetto collaterale di troppo ed è meglio fare attenzione.

Perché alcune di queste sostanze è meglio evitarle?

Caffè, tè e cacao. Sono tra gli alimenti che contengono alcaloidi, elementi realmente utili nella lotta ai chili di troppo.

Si tratta però di sostanze eccitatorie per il sistema nervoso. La caffeina, la teobromina e la teofillina, in essi contenute, sono le tre sostanze dette xantine e responsabili di questo effetto.

Oltre ad agire sul sistema nervoso centrale, le xantine hanno effetti sull’apparato cardiovascolare e gastrico. Ecco perché bevendo caffè ti può capitare di sperimentare effetti come mal di stomaco o mal di testa.

Non è tutto, chi è particolarmente sensibile alle xantine, è maggiormente a rischio di tremore, insonnia e stati d’ansia.

Insomma, se ti piace bere un paio di caffè al giorno nulla di pericoloso, ma ti sconsiglio di sfruttare prodotti contenenti caffeina per stimolare il metabolismo.

Esistono però delle alternative?

DEEP FIRE, il termogenico senza caffeina!

Certo che esiste un’alternativa priva di questi spiacevoli effetti collaterali, e la puoi trovare in DEEP FIRE, l’integratore per il controllo del peso di XWOMAN NUTRITION.

DEEP FIRE è a base di Sinefrina, una molecola estratta dall’Arancio Amaro, e di estratti della radice del Coleus Forskohlii. 

Non sono degli stimolanti come la caffeina, e per questo motivo privi di quegli spiacevoli effetti collaterali.

DEEP FIRE contiene anche le Vitamine del gruppo B e minerali come Zinco e Cromo, anch’essi utili a tenere sotto controllo il peso.

DEEP FIRE è confezionato in pratici blister con un rivestimento singolo per ogni compressa, in modo da preservare tutte le sue proprietà!

Come puoi vedere tornare in forma non è così difficile, basta sapere cosa funziona davvero e cosa no, e come costringere il tuo corpo a collaborare.

Ho anche un bel regalo per te: grazie al codice promozionale VIRGINIA15 potrai avere DEEP FIRE con uno sconto del 15%.

Sommato allo sconto del 10%, già presente sul sito, potrai acquistare DEEP FIRE con uno sconto complessivo del 25%!

Il codice è valido su tutti i prodotti presenti sul sito.

Se poi decidi di usare tutti i mezzi a tua disposizione, come DEEP FIRE, conquistare il fisico dei tuoi sogni diventa ancora più facile, e non dimenticare di inserire il codice promozionale VIRGINIA15 al momento dell’acquisto, per ricevere il 15% di sconto su ogni prodotto e, con gli sconti già presenti sullo shop, ottenere fino al 30% di sconto totale!

A presto

Virginia Arzillo

Fitness Coach XWOMAN

Bibliografia

Synephrine

Sidney J Stohs,2017, 10.1002/ptr.5879

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5655712/

2. Bitter Orange (Citrus aurantium Linné) Improves Obesity by Regulating Adipogenesis and Thermogenesis through AMPK Activation

Jinbong Park , Hye-Lin Kim, Yunu Jung, Kwang Seok Ahn, Hyun Jeong Kwak, Jae-Young Um, 2019,  10.3390/nu11091988

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31443565/

 

3. Effects of Coleus Forskohlii Supplementation on Body Composition and Hematological Profiles in Mildly Overweight Women

Shonteh Henderson, Bahrat Magu, Chris Rasmussen, Stacey Lancaster, Chad Kerksick, Penny Smith, Charlie Melton, Patty Cowan, Mike Greenwood, Conrad Earnest, Anthony Almada, Pervis Milnor, Terri Magrans, Rodney Bowden, Song Ounpraseuth, Ashli Thomas & Richard B Kreider Journal of the International Society of Sports Nutrition volume 2, Article number: 54 (2005)

https://jissn.biomedcentral.com/articles/10.1186/1550-2783-2-2-54)

4. Coleus forskohlii Extract Supplementation in Conjunction with a Hypocaloric Diet Reduces the Risk Factors of Metabolic Syndrome in Overweight and Obese Subjects: A Randomized Controlled Trial.

Hayley L. Loftus, Katie J. Astell, Michael L. Mathai, and Xiao Q. Su, 2015, 10.3390/nu7115483 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4663611/

5.https://www.legatumori.genova.it/news/cosa-sappiamo-degli-alimenti-nervini/

6.Health effects of intermittent fasting: hormesis or harm? A systematic review                            

Benjamin D Horne, Joseph B Muhlestein, Jeffrey L Anderson, 2015, 10.3945/ajcn.115.109553

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26135345/

7. Intermittent fasting interventions for treatment of overweight and obesity in adults: a systematic review and meta-analysis                                                                                                                              

Leanne Harris, Sharon Hamilton, Liane B Azevedo, Joan Olajide, Caroline De Brún, Gillian Waller, Vicki Whittaker, Tracey Sharp, Mike Lean, Catherine Hankey, Louisa Ells, 2018, 10.11124/JBISRIR-2016-003248.                                               

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29419624/

8. INTERMITTENT FASTING AND HUMAN METABOLIC HEALTH                                                     

Ruth E. Patterson, PhD, Gail A. Laughlin, PhD, Dorothy D. Sears, PhD, Andrea Z. LaCroix, PhD, Catherine Marinac, BA, Linda C. Gallo, PhD, Sheri J. Hartman, PhD, Loki Natarajan, PhD, Carolyn M. Senger, MD, María Elena Martínez, PhD, and Adriana Villaseñor, PhD, 2015. 10.1016/j.jand.2015.02.018  

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4516560/

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Sommario

On Key

Articoli Correlati