Perché dimagrire dopo i 40 anni è così difficile?

Sei una donna molto impegnata, hai superato quella che chiamano “l’età adulta” (cioè i 40 anni), magari sei sposata con figli, magari sei una super imprenditrice, magari sei entrambe queste due donne.

Quale è uno dei tuoi crucci di quest’età?

Proprio lui: quel metabolismo infame che ti rema contro e sembra giocare contro la tua volontà di avere, tra le altre tue qualità, una splendida forma fisica.

In questo articolo voglio raccontarti cosa puoi fare per aiutare a far “girare” il tuo metabolismo al meglio, per poter restare in forma senza nessun intoppo.

No, neanche l’età.

Perché col passare degli anni sembra andare tutto storto?

Guardo questa foto e sogno.

Vedo una splendida donna con oramai oltre gli “anta”, capelli liberi e sciolti al vento, seduta sulla spiaggia davanti al mare, in pieno relax.

In gran forma.

Jeans e maglia comoda non nascondono infatti il fatto che sia una bella donna, in pace con il suo corpo e la sua mente.

 

Poi stacco gli occhi dall’immagine, guardo la mia tazza di caffè al ginseng e torno alla realtà.

Il mio pc aperto dalle 5 del mattino, 2 telefoni pronti anche di domenica.

Davanti a me scatoloni su scatoloni perché tra le altre cose a 41 anni finalmente sono riuscita a comprare casa.

La mia piccola palestra ricavata nella sala in questo momento ha davanti ben sei scatoloni.

Avevo detto che mi allenavo almeno nel week end ma è una settimana che, nonostante mi tiro su dal letto sempre alle 5 non riesco a far rientrare l’allenamento tra le mie attività.

Questa settimana ho dovuto gestire:

null
complicazioni in entrambi i lavori che svolgo;
null
problemi con la casa vecchia (rottura dello scarico in bagno);
null
problemi con la casa nuova (chi ben comincia…).

Come ho mangiato?

Uhm… il mio pasto oramai viene consumato davanti al pc o direttamente nella pentola oppure a bordo del lavandino (così sono già pronta per lavare i piatti).

Conteggio le calorie al volo, apro il frigo, scannerizzo con gli occhi le fonti proteiche presenti e cerco di inglobarle nel mio corpo nella giusta quantità (giusta quantità cioè “a occhio”).

La caratteristica principale dei miei cibi è che devono essere pronti per essere “fagocitati” entro massimo 10 minuti (ma meglio se i minuti sono 8, il tempo è tiranno).

 

Chiaramente la mia vita al momento non è esattamente come quella della donna in foto.

E intendo anche la “circonferenza vita”, nello specifico.

Il metabolismo, la bestia feroce che devi addomesticare

Il problema è sempre lo stesso.

Mi sembra di non mangiare così tanto e invece, grazie anche ad un metabolismo così lento che perderebbe una gara anche se sfidasse un bradipo, i chili in più impiegano zero secondi per “tornare”.

Da una parte il mio cervello comanda di mangiare per avere abbastanza risorse “in entrata”, dall’altra io utilizzando un’altra parte (quella pensante) gli comando di fermarsi perché sono grassa.

 

Ma niente, la “bestia” è implacabile.

Menopausa e peso, una spirale da spezzare

Parlavo della “bestia” proprio ieri con una mia collega che ha qualche anno in più di me e mi diceva che a lei non va di certo meglio, visto che combatte con la menopausa.

In effetti noi donne le vinciamo sempre tutte le fortune, eh?

Magari sei nata con genetica non a favore (io partivo addirittura da obesa e non era di certo il massimo), ti impegni tanto ma dopo i 40 anni ti scontri con il metabolismo che rallenta comunque per l’età e, infine, arriva la menopausa che complica ulteriormente la situazione.

La menopausa cambia tutti gli equilibri ormonali e porta in genere a prendere maggiormente peso, specie nella prima fase quando ancora si deve assestare.

Non è mai una trasformazione facile e raramente indolore, ma non è detto nemmeno che debba essere tragica: la differenza la facciamo noi, decidendo come vogliamo far arrivare il nostro corpo a questa soglia.

L’età è un cambiamento, non un limite: le azioni giuste per ritrovare la tua forma

Arriva però anche il momento in cui capisci che scoraggiarsi non è certo un verbo che fa per te.

La verità è che il passare del tempo e i conseguenti cambiamenti del corpo non sono un tema così grave da non poter essere affrontato e risolto.

Cosa bisogna fare?

Le due azioni da attuare immediatamente riguardano l’ALLENAMENTO e l’ALIMENTAZIONE.

Proprio così, di una semplicità quasi imbarazzante… sono le uniche chiavi che ci riporteranno sempre a ritrovare la forma fisica perduta.

Attività fisica, il primo passo per dare una spintarella al tuo metabolismo

Il primo passo per rimetterti in forma passa dall’allenamento.

Non siamo fatte per essere sedentarie, figuriamoci dopo i 40 anni quando anche meccanismi come la sarcopenia (perdita di massa muscolare) entrano in azione.

Dobbiamo assolutamente aiutare il nostro corpo e mantenerlo attivo.

È di vitale importanza e ci aiuta a gestire il nostro metabolismo al meglio.

A dargli una spintarella, insomma!

Alimentazione, gli alimenti giusti per spronare il metabolismo

Il secondo passo riguarda, neanche a dirlo, l’alimentazione.

Per le donne che si allenano è fondamentale rispettare la giusta quota proteica giornaliera, così da aiutare il corpo a costruire massa muscolare (e avere un’estetica da effetto “wow”) ma non dimentichiamo che le proteine non hanno solo questa funzione.

Le proteine hanno infatti anche un alto potere termogenico.

Pensa che quando le mangi utilizzi il 30% dell’energia già solo per digerirle.

Non male no?

 

La termogenesi è proprio uno degli aspetti che può aiutarti ad aumentare il lavoro del metabolismo.

Quindi assicurati di arrivare alla corretta dose proteica con delle fonti alimentari magre, come carni bianche, legumi e uova.

La quantità generalmente consigliata per una donna che si allena con regolarità è di circa 2,4 g per ogni chilo della sua massa magra (che si ottiene sottraendo dal peso totale la massa grassa).

Superati gli “anta” anche qualcosa in più va bene, senza esagerare (meglio non superare i 3 g per chilo di massa magra).

L’arma segreta per aiutare il metabolismo: i termogenici

Devi sapere, a questo punto, che esiste una terza arma segreta da utilizzare per aiutare il metabolismo.

È come un asso nella manica che puoi “giocare” quando stai già applicando i primi due punti del “piano”.

Se quindi ti stai già allenando e mangi in modo sano allora un termogenico è di certo un valido aiuto.

I termogenici agiscono attraverso il metabolismo, e si chiamano così perché aiutano la trasformazione dei grassi accumulati nel corpo in calore.

Quali sono le sostanze termogeniche e quali scegliere?

All’interno del panorama dei termogenici presenti sul mercato, ce ne sono alcuni che aiutano davvero il nostro organismo senza rischi e alcuni che sono invece molto dannosi.

Un esempio è l’efedrina, talmente pericolosa che in Italia è diventata addirittura illegale.

Le sostanze più usate sono senza dubbio la caffeina, la teobromina e la teofillina, che si trovano naturalmente nel caffè, cacao e guaranà.

Non sono dannosi per l’organismo, però possono causare spiacevoli effetti collaterali (che poi sono gli stessi del caffè): tremore, insonnia, nervosismo.

Quasi tutti i termogenici in commercio contengono una o più di queste sostanze e sono molte le donne che lamentano quelle spiacevoli conseguenze.

 

Eppure esistono diversi agenti termogenici che non hanno questi effetti collaterali, come ad esempio la sinefrina (estratta dall’arancio amaro).

DEEP FIRE, dall’arancio amaro la risposta naturale e sicura!

XWOMAN NUTRITION è un’azienda italiana che produce integratori al 100% Made in Italy pensati per le donne.

Questa azienda da sempre impegna a ricercare le migliori materie prime per gli integratori utili alla salute e al benessere dell’universo femminile.

Ed ecco che per aiutare noi donne alle prese con i dei “metabolismi lumaca”, ha creato per noi DEEP FIRE, il termogenico senza caffeina.

Per cominciare è, appunto, privo di sostanze eccitanti e quindi senza i loro effetti collaterali.

Inoltre è composto da un vero cocktail di sostanze che favoriscono il controllo del peso, tra cui la sinefrina di cui abbiamo parlato prima, ma anche:

null
Coleus Forskohlii;
null
Vitamine B3, B5, B6 e B12;
null
Cromo e Zinco;
null
Acetilcarnitina.

Contiene inoltre altre due sostanze, L-tirosina e L-fenilalanina, aminoacidi utili per controllare l’appetito.

Potrai quindi ricorrere al suo aiuto per combattere in maniera naturale il tuo metabolismo “dispettoso”.

 

Allora, cosa stai aspettando?

È il momento di dimenticarci di avere più di 40 anni e diventare le bellissime donne che sogniamo di essere.

Corri a comprarlo… e poi fammi sapere!

 

Elena Marinelli

Fitness Coach XWOMAN

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. cristina

    Bongiorno, questo più che un commento è una richiesta di informazioni, e quindi non so se è la sede giusta. Mi chiedevo se questo prodotto debba essere utilizzato in fase di “dieta”, inteso come fase di dimagrimento, o possa essere mantenuto a lungo nel tempo, al fine di aiutare a bruciare e magari dare più energia. Questo perchè una volta raggiunto un buon risultato, difficile diventa il mantenerlo, considerando che abbiamo tutti diritto ad un minimo di vita sociale, che comporta spesso necessariamente pranzi e/o cene, Purtroppo non proprio l’ideale , accidenti!

    1. Staff_XWN

      Ciao Cristina, il termogenico va assunto solo nelle fasi di dieta ipocalorica. Conosciamo bene le difficoltà legate al mantenimento del risultato di cui parli, e per questo motivo ti consigliamo una lettura a riguardo davvero essenziale: IL LIBRO SACRO DELLA DIETA FLESSIBILE (che trovi qui https://www.xwomannutrition.com/prodotto/il-libro-sacro-della-dieta-flessibile/).

      L’approccio flessibile nell’alimentazione è infatti l’unica via per conciliare forma fisica e vita sociale per un risultato non solo momentaneo ma a lungo termine 😉

  2. Enrica

    Spett. ditta, i vostri articoli sono interessanti, ma mi trovo sempre in una situazione opposta da quella da voi descritta: over-anta , non solo non metto su un grammo ma ho un calo ponderale persistente (h 1,73 per 46,8kg; di gran lunga sotto peso) Ossatura esilissima , longilinea con leve lunghe e ipotoniche,sono un tipo ectomorfo-atrofico, con difficoltà ad aumentare la massa muscolare , nonostante un’ alimentazione iperproteica associata a carboidrati e a verdura e , nonostante l’uso quotidiano di pesi durante gli esercizi a corpo libero ( squat- affondi- addominali ecc) compresi quelli effettuati su panca per inversione a testa in giù. Non trovo alcun articolo da voi inviato che suggerisca esercizi che non abbia già fedelmente sperimentato ne’ un’ alimentazione che non abbia seguito o integratori che che non abbia assunto. Enrica

    1. Staff_XWN

      Ciao Enrica, per aumentare di peso e costruire massa muscolare, oltre all’esercizio fisico con pesi ben strutturato, alimentazione iperproteica e integrazione (in questo caso ottime sono Crea Speed ed Extreme ProShape che trovi in shop), è necessario seguire un regime IPERcalorico.

      A tal proposito ti consigliamo caldamente la lettura de IL LIBRO SACRO DELLA DIETA FLESSIBILE (che trovi sempre in shop o a questo link https://www.xwomannutrition.com/prodotto/il-libro-sacro-della-dieta-flessibile/).

Lascia un commento

Sommario

On Key

Articoli Correlati