Lavori in smart working? Leggi il decalogo con tutte le strategie per gestirlo al meglio!

donna al telefono con un bambino in braccio

Lo smart working ha rivoluzionato la tua vita, vero?

Ha “pro” e “contro” ma sicuramente richiede delle regole per riuscire a gestirlo al meglio.

Regole che devi seguire tu e regole che devono seguire i tuoi cari, soprattutto i tuoi figli che ti vorrebbero tutto il tempo soltanto per loro.

Con questo articolo voglio aiutarti e fornirti una guida utile per viverlo al meglio e poi… ho un consiglio in più per te.

Smart working: è davvero un lavoro agile?

Lo smart working è diventata un’abitudine per molte di noi durante l’ultimo anno, per motivi più che noti.

Ecco che tu, mamma e lavoratrice, hai dovuto mettere insieme nello stesso orario lavoro e figli.

E così… proprio nel momento in cui ti stai concentrando per scrivere una presentazione che faccia colpo sul cliente, tua figlia ti dice “mamma, mamma, guarda Peppa Pig!”.

E tu rispondi un “certo, amore” tra i più falsi che abbia mai detto.

Per non parlare di quando iniziano le videolezioni dei tuoi figli e, anche se loro sono in cameretta e tu in cucina, non riesci proprio a non distrarti per “controllarli”.

E tua madre? Ora che “sei a casa” ti chiama praticamente ogni mezz’ora.

Senza parlare del fatto che ormai vivi la tua vita da smart worker come una nomade, con la tua postazione mobile, spostandoti tra le varie parti della casa senza sosta.

La mattina la tua scrivania è il tavolo della cucina ma solo dopo che tutti hanno fatto colazione, durante il pranzo, mentre i tuoi piccoli tesori mangiano davanti al cartone animato, ne approfitti per mandare avanti il tuo lavoro dal divano della sala: gambe incrociate in una improbabile posizione yoga e giù veloce con le dita sulla tastiera.

E in questo modo scorrono giornate, settimane, mesi e cominci a sentirti turbata, ma non riesci a spiegartene il motivo.

Ami tutti i tuoi famigliari ma ti mancano anche le care e vecchie abitudini: le uscite, il caffè con i colleghi.

Come fare per non perdere la bussola (e il buon umore)?

donna al telefono con un bambino in braccio

Con qualche attenzione tutto si può gestire al meglio

Ogni mamma sa bene come un’attenta pianificazione può aiutare a gestire qualsiasi problema.

Voglio proporti un decalogo: sono dieci regole che hanno lo scopo di ottimizzare la tua organizzazione e permetterti di vivere con maggior serenità questa nuova routine, a volte davvero frustrante.

Su alcuni punti dovrai chiedere la collaborazione dei tuoi famigliari. Con la giusta dose di pazienza e aspettando che si abituino perché non sarà sempre facile.

Sarà però un nuovo modo per imparare ad appropriarti dei tuoi spazi.

1. Come organizzare lo spazio di lavoro

Organizzare i tuoi spazi è il primo passo.

Scegli un luogo illuminato, sedia comoda, possibilmente ergonomica (quindi non piegata su te stessa sul divano, dove potresti incorrere in fastidiose cervicali).

Tieni sempre tutto quello che ti serve a portata di mano, e in ordine, proprio come faresti in ufficio: a casa è facile che il caos prenda il sopravvento!

Avere un ambiente funzionale e pratico ti aiuterà a concentrarti meglio e a rendere di più in meno ore, prova e vedrai!

2. Rispetta gli orari come se fossi sul tuo posto di lavoro

Il rispetto degli orari è fondamentale, e a casa rischi di perderti.

L’orario di inizio del tuo lavoro, la pausa pranzo e la “fine lavori” devono continuare ad essere rispettate.

E questo perché quando sei in solitudine riesci a concentrarti per bene (e questo è un lato positivo dello smart working) ma rischi di perdere la concezione del tempo che passa.

A lungo andare questo comportamento può portarti ad accumulare della stanchezza cronica che non giova di certo al tuo organismo.

clessidra di vetro

3. Preparati come se dovessi uscire!

Credimi è importantissimo rispettare questa regola. Per il tuo benessere fisico e mentale.

Lavorare in pigiama, spettinata e in disordine potrebbe portarti ad una spiacevole sensazione di smarrimento.

Quella sensazione di malessere, che già da un po’ ti porti dietro per dover rinunciare alle normali attività, potrebbe peggiorare proprio perché vivi in questo senso costante di disordine.

Dai una ventata di freschezza ad ogni giornata. Maglioni colorati, trucco, sentiti bene con te stessa. Vedrai che questo avrà un risvolto positivo sulla tua vita da smart worker.

ragazza alla scrivania con pc e agenda

Ovviamente, per modificare le tue abitudini, devi lavorare sui tuoi “vizi alimentari”… ecco cosa potresti fare.

4. Avere una postazione fissa è fondamentale

Stabilisci una sola postazione dedicata e non “mista” ad altri utilizzi, questo ti aiuterà a staccare la mente tra il lavoro e il riposo.

La tua mente deve percepire i confini tra quando stai lavorando e quando ti stai rilassando.

La tua concentrazione ne trarrà beneficio, così come i tuoi momenti di relax, credimi.

5. Educa la tua famiglia

Tuo marito, i tuoi figli devono sapere che in alcuni orari la moglie / mamma lavora e non può essere disturbata.

Questo sarà l’aspetto più difficile da far rispettare ma puoi pensare a qualche stratagemma per incoraggiare i tuoi cari a darti una mano.

Perché non fare, ad esempio, una bella tabella da appendere al muro o al frigo con le regole scritte?

Oppure introdurre degli “incentivi” per fare rispettare le regole.

Un’idea potrebbe, essere per esempio, “se non disturbate la mamma dalle 14 alle 16, allora alle 17 facciamo merenda tutti insieme”.

ragazza che spiega qualcosa a una bambina

6. Pianifica le pause

Le pause sono importanti.

Sia per staccare gli occhi dal pc, come già stabilito dalle regole sulla sicurezza sul lavoro.

Sia e soprattutto per non portarti involontariamente ad orari infiniti ed estenuanti.

Magari salti la pausa pranzo, magari anche la pausa successiva.

Ma se non “stacchi” mai dal pc potresti ancora una volta andare incontro a stanchezza cronica, calo di motivazione, mal di testa, disturbi del sonno.

7. Il frigorifero è un tuo nemico!

Ed ora parliamo del principale incubo dello smart working.

Lui, il malefico frigorifero, a distanza troppo ravvicinata per ignorarlo.

Imponiti la regola di “frequentarlo” solo ad orari consentiti e ricordati di riempirlo di cibi sani per spezzare la fame in modo corretto.

Tra i consigli che ho trovato più utili per resistere a mangiare continuamente, c’è quello di scegliere uno spuntino che “richieda tempo”.

Un esempio: le carote comportano del tempo per essere masticate così come delle frutta secca, soprattutto quella da “sbucciare”.

catena e lucchetto al frigo

8. A casa ti distrai? Comincia con piccole sessioni

Una delle cose più difficili quando lavori a casa è non cedere alle distrazioni.

Parlare con i tuoi figli, con tuo marito, sfogliare ancora di più il web in cerca di news.

Il consiglio che posso darti è quello di cercare di definire degli orari. Se ti rendi conto che ti distrai troppo spesso, datti delle tempistiche precise, cominciando con periodi più brevi.

Ad esempio, decidi che per un’ora ti concentri solo sul lavoro, senza interruzioni.

Man mano che passano i giorni, aumenta questo lasso di tempo gradatamente, vedrai che nel giro di un mese potrai lavorare mezza giornata senza fermarti, proprio come in ufficio!

9. Stabilisci un orario di fine lavori e rispettalo

Lo smart working ci ha portato a lavorare ad oltranza. Niente di più insano e alienante.

Se oggi hai bisogno di lavorare di più va bene ma stai attenta a non farla diventare un’abitudine.

Ricorda di monitorare il tuo sonno come campanello di allarme: se non stai riposando bene è probabile che tu stia lavorando troppo senza staccare mai.

Se curerai la tua alimentazione e applicherai questi trucchetti, sono sicura che otterrai un bel cambiamento!

Ma se potessi ancora fare qualcosa in più?

ragazza che guarda l'ora

10. Se stare troppo in casa ti stressa, fai il pieno di vitamine

Sarà facile rispettare tutte le regole del decalogo?

No e non ti sarà risparmiato comunque molto stress. Ti mancheranno i colleghi con cui “staccare” o con cui confrontarti più direttamente.

I tuoi figli non sempre capiranno e ti troverai a discutere con tuo marito perché non ti aiuta.

Lo stress potrebbe raggiungere livelli molto alti e molto pericolosi per il tuo corpo e per la tua mente.

Ecco che ancora una volta arrivano in tuo aiuto le preziose vitamine.

Le vitamine sono micronutrienti definiti “essenziali”, perché il nostro corpo non è capace di produrle in maniera autonoma.

Cosa ti dice la gente, quando ti vedono stanca?

Avresti bisogno di vitamine.”

Per una volta c’è una verità in questo “sentore” popolare.

Ti faccio un esempio, la vitamina B12 ha un ruolo fondamentale per mantenere integro il nostro sistema nervoso. La carenza di vitamina B12 è la prima causa di danni riguardanti la memoria e perfino di alcuni sintomi psicotici.

E la vitamina A? Sai che agisce direttamente sulla retina? La mancanza di questa vitamina può portarti a fare fatica ad adattare la tua vista alla luce crepuscolare, ed è quindi particolarmente utile a chi passa molte ore davanti al PC!

E non dimenticare che hai bisogno anche dei minerali.

Lo zinco ad esempio aiuta anche le cellule cerebrali, inoltre regola il funzionamento di alcuni ormoni tra cui l’insulina, l’ormone della crescita e gli ormoni sessuali.

È quindi utile nella normale funzione cognitiva, nel mantenimento della capacità visiva e nel normale funzionamento del sistema immunitario.

Direi che per il tuo lavoro da smart worker siano importanti sia la capacità cognitiva che quella visiva, no?

donna che guarda il tavolo della cucina sconsolata

Fai il pieno di vitamine e minerali con WONDER X

Le vitamine e minerali possono perciò essere un valido alleato anche contro lo stress da smart working.

XWOMAN NUTRITION è un’azienda italiana che produce integratori al 100% Made in Italy, pensati per le donne, e ha messo tutte le vitamine utili per la loro attività ricostituente e di sostegno in un integratore, il WONDER-X.

Cosa trovi nel WONDER-X?

La bellezza di:

null
13 vitamine;
null
5 minerali;
null
7 principi attivi biologici complementari;

Tra questi, le vitamine A, B6, B9, B12 C, D e i minerali Rame, Selenio e Zinco.

È importante per noi donne così impegnate in mille attività incluso l’allenamento, integrare queste importanti vitamine e minerali.

E laddove tu abbia bisogno di un aiuto per farne il pieno, non far mancare alla tua lista della spesa WONDER-X!

Vedrai che ti sentirai più energica e riuscirai a gestire molto meglio anche la “combo” smart working e famiglia!

Elena Marinelli

Fitness Coach XWOMAN

Bibliografia

  • The Effects of Vitamin B in Depression (Kathleen Mikkelsen, Lily Stojanovska, Vasso Apostolopoulos), 2016

  • Vitamin B 12 in Relation to Oxidative Stress: A Systematic Review (Erik E van de Lagemaat, Lisette C P G M de Groot, Ellen G H M van den Heuvel), 2019

  • Vitamin B1 (thiamine) and dementia (Gary E Gibson, Joseph A Hirsch, Pasquale Fonzetti, Barry D Jordan, Rosanna T Cirio, Jessica Elder), 2016

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Sommario

On Key

Articoli Correlati